Vienna

Siete mai stati a Vienna? Beh, potrebbe essere il momento giusto per visitarla!

Se non avete molti giorni a disposizione, ma volete levare le ancore per respirare un’aria diversa, una delle mete che vi consiglio è proprio Vienna. Semplice da raggiungere, sia in auto che in aereo, offre anche la romantica possibilità di raggiugerla in treno. Qualsiasi soluzione scegliate, non sarà comunque indispensabile avere un mezzo di trasporto in loco, in quanto i servizi sono molto qualificati e la metropolitana vi fa raggiungere facilmente tutti i luoghi di interesse della città. Armatevi quindi di scarpe comode e di una buona macchina fotografica, per il resto ci pensa Vienna.

Da visitare in coppia, ma anche in compagnia, propone delle mete che saranno obbligatorie nel vostro percorso di viaggio e proprio per questo vi propongo un piano di tre giorni che saprà darvi un’idea chiara della città che, vi assicuro, vi catturerà appena metterete piede all’intendo del perimetro del centro storico.

La prima cosa da fare, arrivati a Vienna, è quella di prendere la metro e raggiungere il cuore della città; con la sua posizione centrale la fermata di Stephansplatz, è sicuramente il luogo migliore per cominciare la visita. Il Duomo di Santo StefanoStephansdom, come lo chiameremo noi, è il più importante monumento gotico di tutta l’Austria. Entrando potrete ammirare le enormi colonne portanti decorate  da statue a grandezza naturale di Santi e personaggi biblici; ma i decori rimangono comunque secondi all’ampiezza dello spazio interno caratterizzato da colonne sinuose che si innalzano sulla navata e vengono investite dalla luce delle vetrate colorate alte diversi piani. Potrete osservare lo spettacolare altare Maggiore e la tomba di Federico III, nonché il pulpito quattrocentesco finemente lavorato. Se siete curiosi potrete visitare (5,00 €) le catacombe, una serie di stanze sotterranee che conservano tombe e sarcofagi di personaggi austriaci storici di rilievo; ma anche le torri, quella meridionale, che durante l’assedio ottomano a Vienna serviva come osservatorio e posto di comando, e quella settentrionale, che si narra sia tronca per colpa del diavolo.Stephansdom

Il tour continua girando attorno al perimetro della Cattedrale, per arrivare pochi passi più avanti alla Casa di Mozart; questo è l’unico della dozzina di appartamenti viennesi del compositore, rimasto integro fino ad oggi. Visse qui dal 1784 al 1787; e per 7,00 €, sarete accolti in questo palazzo che si presenta molto moderno e minimale all’entrata, ma ricco di sorprese all’interno; e muniti di un audioguida che vi aiuterà a capire bene la figura eccentrica, egocentrica, geniale e controversa di uno degli artisti più importanti del tardo Barocco. Servirà un oretta buona per visitare tutto il palazzo, quindi approfittate del guardaroba gratuito e fermatevi a bere un caffè nella sala ristoro al piano terra.

HofburgUsciti da questa serie di viuzze strette, dirigetevi verso il palazzo di Hofburg, passando per Graben e Kohlmakt, due vie ampie e attorniate da palazzi storici che meritano una passeggiata con la testa rivolta verso l’alto. Si giunge quindi a Michaeler Platz, con la facciata ottocentesca dell’ala di San Michele e la porta di San Michele, sormontata da cupole e statue che permettono l’accesso al palazzo Imperiale. Vi troverete a questo punto nell’ala della Cancelleria Imperiale (Reickshanzleitraitra
kt
), che ospitava gli appartamenti e gli uffici del Vicecancelliere del Sacro Romano IHeldenplatzmpero e nel XIX secolo ospitò anche Francesco Giuseppe e la giovane moglie Sissi. Potrete  qui visitare il Museo delle argenterie, il Museo di Sissi, e gli appartamenti reali.

Rathaus
Se non vi va di entrare nuovamente per musei, proseguite il percorso verso la Rathaus, ovvero il municipio, un esempio di neogotico, con la facciata che presenta ben cinque torri di pietra, la Parlamentpiù alta delle quali arriva ai 115 metri.

Alla sinistra di questo impressionante palazzo, potrete scorgere il Parlamento, un imponente struttura neoclassica, visibilmente ispirata al Partenone che presenta enormi colonnati e statue allegoriche dorate che ricoprono il frontone.

Proseguendo per la strada principale entriamo quindi nel Quartiere dei Musei, dove vi potrete sbizzarrire tra storia naturale e contemporanea, e subito oltre troverete la Secessione; palazzo più importante della Karlsplatz, decorato da nient’altro che elementi naturali, niente colonne, ne finestre. Al suo interno, di grande importanza potrete ammirare il Fregio di Beethoven di Klimt, e una serie di mostre temporanee di artisti contemporanei.

BelvedereIl secondo giorno, vi consiglio di recarvi direttamente al Museo del Belvedere, dove trascorrerete almeno mezza giornata per visitarlo; nel Belvedere superiore è ospitata una collezione d’arte austriaca dal Medioevo ai giorni nostri, con particolare interesse per Klimt di cui qui è presente la collezione più ampia al mondo; il Belvedere Inferiore è significativo per le sale di rappresentata del Principe Eugenio, la sala delle Grottesche, la Galleria dei Marmi e la Camera d’oro, che ben fanno comprendere l’arte Barocca e la sua fastosità.Riesenrad

Se non siete ancora stanchi, prendete la metropolitana e dirigetevi verso il Prater, dove potrete fare un giro sulla ruota panoramica simbolo della città.

Una giornata dovrete sicuramente trascorrerla al Castello di Schonbrunn, residenza estiva della casata asburgica. Un audio guida gratuita vi porterà attraverso le 40 stanze del palazzo Imperiale, dove portrete ammirare le stanze in cui soggiornò Francesco Giuseppe con la moglie Elisabetta (Sissi), gli appartamenti di Maria Teresa, il meraviglioso giardino, il museo delle carrozze e addirittura un giardino zoologico.Il castello di Schonbrunn

Tre giorni sono sufficienti per crearsi una visione abbastanza completa della città, che saprà incuriosirvi e vi farà appassionare alle vicende di tre figure importanti, quali Mozart, Klimt e la principessa Sissi. Ricordatevi di questi nomi, perché si tratta di personalità che avendo vissuto a pieno la città, nel corso della loro vita, ritroverete spesso e vi accorgerete come le loro vite siano intrinseche a Vienna e intrecciate tra loro. Solo alla fine dei tre giorni, potrete collegare tutti i punti e capire quanto per l’Austria siano stati significativi, e come abbiano lasciato lungo le loro strade, pezzetti di un puzzle che spetta a noi, curiosi turisti, riattaccare.

Annunci

2 thoughts on “Vienna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...